Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti promozioni in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

box corsi

box progetti

Proposta formativa per assistenti familiari di persone affette da sclerosi laterale amiotrofica SLA  

Obiettivo:
• acquisire informazioni sulla malattia e sulla sua storia naturale affinché il partecipante possa individuare i segni che la caratterizzano;
• gestire il malato di SLA nei diversi stadi della malattia, con particolare riferimento alle funzioni di comunicazione, respirazione, alimentazione, mobilizzazione e utilizzo di tecnologie assistenziali;
• conoscere la rete dei servizi fornite dal terzo settore e le modalità di attivazione;
• essere addestrato alle pratiche assistenziali necessarie alla gestione del caso;
• sviluppare competenze comunicative per la gestione di informazioni che risultano critiche per la famiglia e per la persona assistita (consegna diagnosi, necessità di supporti tecnologici di funzioni vitali, ecc.);
• rafforzare le abilità per la gestione del paziente in self management per le funzioni di comunicazione, respirazione, alimentazione, mobilizzazione e utilizzo di tecnologie assistenziali.


Costo del progetto: Euro 800.000,00


Destinatari: Assistenti familiari dei malati di SLA e loro familiari

Durata: Due anni


Azioni progettuali: 
Le aree di intervento previste sono:
• Comunicazione e relazione: relazionarsi dinamicamente con l’assistito e con la famiglia assumendo atteggiamenti coerenti con i principi di etica professionale;
• Servizi sociali e assistenza: orientarsi nel contesto sociale ed istituzionale, in relazione all’assistenza privata domiciliare;
• Cura e accompagnamento della persona: fornire cura e assistenza nel rispetto dei bisogni e della condizione psico-fisica dell’assistito;
• Alimentazione: assistere il malato nella preparazione e nell’assunzione di cibi;
• Gestione degli ambienti e della sicurezza: curare l’igiene degli ambienti adottando comportamenti atti a prevenire gli incidenti domestici.


Risultati raggiunti:
Ad oggi sono state effettuate solo riunioni di progettazione e di coordinamento