Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti promozioni in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

box corsi

box progetti

Percorso formativo per il personale delle Aziende Sanitarie Locali e dei Comuni operante nell’ambito dei Gruppi di lavoro integrati per le adozioni (GIL Adozioni)

Obiettivo:
L’Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Lazio ha approvato, in data 28.4.2011, il “Protocollo operativo per la collaborazione tra servizi territoriali, Enti autorizzati e Tribunale per i Minorenni di Roma, in materia di adozione nazionale ed internazionale, con la partecipazione delle Associazioni Familiari”.

Il Protocollo prevede che, tra le attività di coordinamento e monitoraggio del sistema, la Regione Lazio svolga la funzione di vigilanza sul funzionamento e sul livello di professionalità dei G.I.L. Adozioni, garantendo l’aggiornamento e la formazione continua specialistica degli operatori dei servizi e degli altri soggetti interessati. In particolare, l’art. 4 prevede che “ … L’attività del G.I.L.A. è da considerarsi specialistica, pertanto Assistenti Sociali e Psicologi che ne fanno parte devono seguire un percorso formativo specifico, di almeno 250 ore comprensivo di supervisione, fatte salve la formazione e\o l’esperienza pregressa degli operatori che attualmente prestano servizio nei GG.II.LL.AA., ed operare in una prospettiva di aggiornamento permanente di tutto il personale incaricato.”

La formazione degli operatori attivi nel sistema delle adozioni nazionali e internazionali è, infatti, fattore essenziale per garantire un elevato livello di qualità nel percorso di accompagnamento delle famiglie coinvolte nei processi adottivi e nel sistema delle procedure per le adozioni nel suo complesso, per contribuire al miglioramento delle modalità di relazioni tra i vari soggetti coinvolti (GG.II.LL.AA., EE.LL. Tribunale per i Minorenni di Roma, Enti autorizzati, Associazioni familiari, altro) e alla riorganizzazione del servizio sul territorio regionale.


Costo del progetto: Euro 200.000,00


Destinatari:
Personale delle Aziende Sanitarie Locali e dei Comuni operante nell’ambito dei Gruppi di lavoro integrati per le adozioni (GIL Adozioni) con estensione della partecipazione agli operatori degli EE.AA. (Enti Autorizzati).

Alcune attività coinvolgeranno: operatori delle ASL e dei consultori, dei Comuni, di servizi affini e dei soggetti appartenenti alla rete del sistema delle adozioni, personale del Tribunale per i Minorenni di Roma, famiglie, medici di base, psicologi e psichiatri dell’età infantile, docenti e operatori della scuola, tutori minorili, altri.


Durata: Due anni, da gennaio 2015 a dicembre 2016 


Azioni procedurali: 
Coprogettazione
In un’ottica di formazione attiva, il percorso sarà costruito con il coinvolgimento e la partecipazione dei rappresentanti dei GGIILLAA e degli EEAA appartenenti al coordinamento dei GILA e EEAA. A tal fine è stato costituito un Comitato Scientifico con la funzione di definire le linee generali dell'intervento formativo e verificare il rispetto degli obiettivi scientifici e formativi durante la fase di progettazione e attuazione.

Erogazione della formazione
Il percorso formativo della durata di 250 ore sarà articolato in tre moduli:
formazione generale (di base propedeutica alla formazione specialistica) - per gli operatori al primo ingresso nel contesto dei servizi per l'adozione o in servizio da pochi anni;
formazione specialistica (avanzata) – per tutti gli operatori in servizio;
formazione dei coordinatori – laboratorio per l’esame dei risultati dei lavori di gruppo, la messa a punto di procedure operative comuni e la definizione di linee guida per un nuovo modello organizzativo del sistema regionale delle adozioni.

In particolare, la formazione specialistica prevede diverse attività di formazione con percorsi personalizzati per tipologia di destinatari:
Sessioni d’aula plenaria per GILA e EEA: lezioni frontali con esperti (giuristi, psicologi, sociologi, tutori, rappresentanti di istituzioni , di associazioni e di Paesi esteri, ecc.) per l’accrescimento delle conoscenze e tavola rotonda di confronto tra diversi sistemi regionali.
Sessioni di classe per GILA e EEA: lavoro di gruppo per il consolidamento delle conoscenze, il confronto tra uffici e la messa in comune delle pratiche, discussione di casi, preparazione degli incontri con gli altri soggetti della rete.
Sessioni plenarie generali: lezioni frontali per tutti gli iscritti con esperti nazionali e internazionali.
Workshop: incontri di confronto tra i GILA e i rappresentanti dei soggetti del sistema delle adozioni (Tribunale per i Minorenni, scuola, pediatri e medici di base, dipartimento di medicina legale e T.S.R.M.E.E., tutori e curatori speciali, ecc.) per tutti gli iscritti.

Formazione a distanza
Il percorso formativo sarà accompagnato dall’attività di FAD (documenti, slide delle lezioni, bibliografie, filmati, contatti con i docenti, esercitazioni, test, prove, chat, gruppi di discussione), gestita tramite piattaforma Moodle, che consentirà di mantenere attiva la comunità professionale degli operatori.

Valutazione
A conclusione delle attività sarà realizzato un convegno finale per la valutazione del percorso formativo, la presentazione dei risultati e delle linee di sviluppo del sistema regionale delle adozioni.


Risultati raggiunti:
Il Modulo di “Formazione Generale” è concluso nel mese di dicembre 2015; hanno partecipato 115 operatori (assistenti sociali e psicologi). L’intervento è stato molto apprezzato dalla Regione Lazio, dai partecipanti e dai docenti. Il 18 gennaio 2016 è stato avviato il modulo di formazione specialistica in cui interverranno anche docenti stranieri con pluriennale esperienza nelle adozioni internazionali.